Mazzarella Press Office

EMP 1

giovedì 20 aprile 2017

CUT UP - Wherever They May Rot

Metal Blade
Dopo la fine dei Vomitory, Erik Rundkvist, prese i sodali Tobben e Anders, e diede vita o “morte” alla band dei Cut up ,dopo il buonissimo esordio “Forensic nightmares” tornano sul luogo del delitto con il secondo capitolo della nuova avventura, che non si discosta molto dalla precedente giunta a conclusione ;qui non troverete melodie facili, coretti per far piacere alle ragazzine teenager, ma tanto amore per il buon sano death metal svedese, solido come un cubo di granito! L’opener farà impazzire gli appassionati del genere (me compreso! ) “from Ear to ear, è uno schiacciasassi con chitarre zanzarose, tanta sana violenza e un vocione growl; la batteria è furiosa divisa tra blast beats e parti veloci di doppia cassa, assoli brevi con melodie malate fanno da corredo al tutto; il massacro continua con l’ottima “ Necrophagic madness”,perché qui si ha del puro death metal svedese di chiara matrice old school, i nostri sanno di conoscere bene la materia e ce la propongono a piene mani.

”Behead the dead” è pura manna per gli amanti del genere estremo, perché non ti molla tra blast beats furenti ,riffs che si contorcono e un doppio cantato scream/growl che ti scarnifica la pelle, ed un solos di pura marca heavy metal classico, breve ma intenso, perché la classe nel metal estremo non la si trova, ce la si ha nel dna. la titletrack è pura devozione al genere con batteria e chitarre a rotta di collo ,riff spezza ossa che grattano che è un piacere, una voglia sfrenata di headbanging, un up tempo assassino che è perizia tecnica e sul più bello rallenta e già mi vedo dei testoni on stage fare su e giù a tempo, goduria assoluta! per poi accellerare improvvisamente. La conclusiva “Raped by fate è potenza pura, un riff maligno s’inerpica su ritmiche asfissianti per poi esplodere in un brano in up tempo graffiante alternato a blast beats gustosi ed un assolo melodico di gran presa. Per chi ha fame di Entombed, Dismember ,Grave e la sana scuola svedese, un consiglio, prendetelo perché questo e sano massacro estremo nel nome del più puro death metal di marca scandinava! BUY!! 

Voto:8,5/10 

Matteo ”Thrasher80”Mapelli